a paper in apa format
MASBEDO

PAC – PADIGLIONE D’ARTE CONTEMPORANEA MILANO

Pac
Padiglione d’Arte
Contemporanea

Via Palestro, 14
20122 Milano
+39 02 8844 6359

MASBEDO

Un film senza tempo, un racconto per immagini ancestrali immerse nel suono.

18 Dicembre 2014 ore 20:30

Al termine della proiezione un talk con Ilaria Bonaccossa e gli artisti.

Chiude la serie di monografiche d’autore della mostra GLITCH il lungometraggio The Lack dei Masbedo, presentato quest’anno al festival di Venezia come evento speciale della Mostra in collaborazione con le Giornate degli Autori.

The Lack coniuga il linguaggio della video-arte con l’esplorazione di un progetto cinematografico. Il film nasce da un’attenta pre-visualizzazione degli ambienti che privilegia quel senso di dispersione e di limite estremo congeniale ai due artisti. L’impatto visivo è dominante, ma si intreccia anche con una ricerca del suono come matrice percettiva degli ambienti, creando una dinamica snervante tra silenzi malinconici e presa diretta della natura circostante. Un film denso di immagini immerse nel suono.

 Il film si organizza attorno a quattro variazioni sul tema della “mancanza”, rappresentate da sei personaggi femminili. Ognuna di loro è immersa in una propria natura silenziosa e primitiva. Non ci sono comparse, nessuno accompagna la solitudine di queste donne. Ciascuna, a modo suo, affronta il freddo, la fatica, l’eccesso di luce e buio e si relaziona con un altro principale attore del film: la Natura.

 Eve affronta il dolore dell’abbandono. L’ossessione d’amore lascia spazio a una ribellione in cui il gesto violento trova la sua capacità di rinascita in una natura sublime, bellissima e matrigna.

Il viaggio reale e onirico di Xiù culmina nel momento in cui riporta con fatica e coraggio un faro proiettore nell’isola disabitata, che un tempo fu testimone di una famosa sparizione cinematografica. In una terra lunare, immersa in scenari apocalittici nei quali convivono centrali geotermiche e territori arcaici, due donne affrontano il sentimento difficile e necessario del distacco, compiendo il passaggio da uno stato conosciuto verso una dimensione inesplorata. Una deriva che lascia aperto uno spiraglio di rinascita e speranza. Infine Sarah, che ripercorre il suo viaggio interiore, attraverso le sue visioni. In una seduta psicanalitica, cerca di ricomporre i pezzi della sua esistenza frantumata e di colmare il suo vuoto.

December 12, 2014